DOC

COSTI

By Steven Alexander,2014-07-20 14:49
9 views 0
COSTI

    COSTI

    RELAZIONE TRA COSTI E VOLUME

    SE UN’IMPRESA DOVESSE INCREMENTARE IN MISURA SIGNIFICATIVA LA QUANTITA’ DEI BENI E/O SERVIZI PRODOTTI CI SI ASPETTA CHE ANCHE L’AMMONTARE DELLE RISORSE NECESSARIE ALLA PRODUZIONE DI QUESTI MAGGIORI VOLUMI AUMENTINO DI CONSEGUENZA. L’IPOTESI ALLA BASE DI QUESTA AFFERMAZIONE E’ QUELLA SECONDO CUI VOLUMI MAGGIORI DETERMINANO COSTI MAGGIORI.

    MA COME SPIEGARE ALLORA I NUMEROSI CASI IN CUI ALL’AUMENTARE DELLA QUANTITA’ PRODOTTA I COSTI NON AUMENTINO O L’INCREMENTO CHE SI VERIFICA NEI COSTI RISULTI ESSERE PERCENTUALMENTE INFERIORE ALL’INCREMENTO DEL VOLUME?

    PER COMPRENDERE QUESTO MECCANISMO E’ NECESSARIO OPERARE LA SEGUENTE CLASSIFICAZIONE DEI COSTI DISTINGUENDO TRA:

    ; COSTI VARIABILI

    ; COSTI FISSI

    ; COSTI SEMIVARIABILI

    I COSTI VARIABILI SONO RAPPRESENTATI DA QUELLA PARTICOLARE CATEGORIA DI COSTI IL CUI VALORE COMPLESSIVO VARIA IN MISURA DIRETTAMENTE PROPORZIONALE AL VOLUME, QUINDI SE LE QUANTITA’ PRODOTTE DOVESSERO AUMENTARE DEL 10%, ANCHE I COSTI VARIABILI AUMENTERANNO DEL 10%. UN ESEMPIO DI COSTO VARIABILE E’ RAPPRESENTATO DAL COSTO DELLE MATERIE PRIME.

     QUANTITA’ COSTO VARIABILE UNITARIO COSTO VARIABILE TOTALE

     1 15 ? 15 ?

     2 15 ? 30 ?

     10 15 ? 150 ?

     30 15 ? 450 ?

DALLO SCHEMA SOPRA RIPORTATO EMERGE CHE:

    ; CVT = CVU ? X CON:

    CVT = COSTI VARIABILI TOTALI

    CVU = COSTI VARIABILI UNITARI

    X = QUANTITA’

    ; A VARIARE PROPORZIONALMENTE RISPETTO AL VOLUME E’ IL COSTO

    VARIABILE TOTALE, MENTRE IL COSTO VARIABILE UNITARIO SI MANTIENE

    COSTANTE.

    I COSTI FISSI SONO RAPPRESENTATI DA QUEI COSTI IL CUI AMMONTARE NON VARIA AL VARIARE DEL VOLUME DI ATTIVITA’. ESEMPI DI QUESTA CATEGORIA DI COSTI SONO INDIVIDUABILI NEI COSTI SOSTENUTI PER L’AFFITTO, PER LE TASSE SULLA PROPRIETA’ COME IL BOLLO PER LE AUTOMOBILI E L’ I.C.I. PER GLI

    IMMOBILI, PER L’ASSICURAZIONE, PER LA SORVEGLIANZA ECC…..

    IL TERMINE “FISSI” NON SIGNIFICA CHE TALI COSTI SIANO IMMUTABILI, SIGNIFICA CHE NON SI MODIFICANO IN SEGUITO A VARIAZIONI DEL VOLUME DI ATTIVITA’ INTERVENUTE NELL’INTERVALLO TEMPORALE CONSIDERATO.

    IN RELAZIONE AI COSTI FISSI OCCORRE OSSERVARE COME IL COSTO FISSO UNITARIO SIA SEMPRE UN COSTO MEDIO E SI OTTIENE DIVIDENDO IL COSTO FISSO TOTALE PER LA QUANTITA’. IN QUESTO CASO IL COSTO FISSO UNITARIO DIMINUIRA’ ALL’AUMENTARE DEL VOLUME.

     QUANTITA’ COSTO FISSO TOTALE COSTO FISSO UNITARIO

     1 100 ? 100 ?

     2 100 ? 50 ?

     10 100 ? 10 ?

     40 100 ? 2,5 ?

    I COSTI SEMIVARIABILI SONO COMPOSTI DA UNA COMBINAZIONE DI COSTI FISSI E COSTI VARIABILI. SONO COSTI IL CUI AMMONTARE VARIA IN MISURA MENO CHE PROPORZIONALE RISPETTO ALLA VARIAZIONE DEL VOLUME. SE IL VOLUME DOVESSE AUMENTARE DEL 10%, I COSTI SEMIVARIABILI AUMENTERANNO DI UNA PERCENTUALE INFERIORE AL 10%. UN ESEMPIO DI COSTO SEMIVARIABILE E’ COSTITUITO DAL COSTO DI GESTIONE DI UNA AUTOMOBILE CHE E’ COMPOSTO DA UNA PARTE VARIABILE FORMATA DAL CARBURANTE, LUBRIFICANTI E PNEUMATICI, E DA UNA PARTE FISSA, BOLLO E ASSICURAZIONE, CHE NON VARIA CON L’INCREMENTO DELLE DISTANZA PERCORSE.

    DIAGRAMMA COSTO-VOLUME

    LA RELAZIONE TRA COSTI E VOLUMI PUO’ ESSERE RAPPRESENTATA ATTRAVERSO UN DIAGRAMMA COSTO-VOLUME.

    L’EQUAZIONE CHE CI PERMETTE DI TRACCIARE TALE GRAFICO E’ LA SEGUENTE:

     CT = CFT + CVU ? X CON:

     CT = COSTO TOTALE

     CFT = COSTO FISSO TOTALE

     CVU = COSTO VARIABILE UNITARIO

     X = VOLUME

COSTO TOTALE COSTO FISSO CT = 300 ? 300 ? 0 50 100 150 200 250 300 VOLUME COSTO TOTALE 800 ? COSTO VARIABILE CT = 4 ? ? X 600 ? 400 ? 200 ? 50 100 150 200 250 300 VOLUME

COSTO TOTALE COSTO SEMIVARIABILE CT = 100 ? + ( 2 ? ? X ) 800 ? 600 ? 400 ? 200 ? 0 50 100 150 200 250 300 VOLUME COSTO TOTALE 2000 ? 1600 ? 1200 ? COSTO TOTALE = 400 ? + (6 ? ? X) 800 ? 400 ? 0 50 100 150 200 250 300 VOLUME

Report this document

For any questions or suggestions please email
cust-service@docsford.com